Balcone: un’oasi di relax a casa!

Piante, fiori e alcune idee per il tuo balcone

Colori, profumi e più contatto con le meraviglie della natura: proprio così!

Se non abbiamo un giardino … è possibile creare uno spazio riservato in casa da dedicare a piante e fiori. Certo!! Basta un piccolo spazio esterno, un balcone per creare una vera e propria oasi di relax!
Al contrario di quanto pensano in molti, arredare un balcone fiorito non è poi così complicato. Certo bisogna seguire alcune semplici regole: esposizione, stagionalità e la scelta di vasi e piante.

La prima cosa da prendere in considerazione è l’esposizione.
Infatti, è meglio scegliere piante e fiori in base al grado di esposizione del nostro balcone: in quali ore del giorno e quali zone del nostro spazio esterno batte il sole, sia in estate che in inverno?

Questo ci permette di capire quali tipologie di piante possiamo utilizzare. Esistono, infatti, piante e fiori che per vivere e fiorire richiedono una maggiore esposizione al sole, mentre altre non hanno proprio bisogno di sole diretto.

 

 

Altro elemento importante da considerare è la stagionalità.

È, infatti, necessario organizzare il balcone in modo che non resti mai spoglio ,così da avere un’oasi naturale in ogni stagione!
Per questo è importante scegliere oltre a colorati fiori anche piante sempreverdi, che oltre a dare anche nei mesi più freddi un tocco di verde e colore al nostro “giardino in casa”, producono anche fioriture rigogliose e colorate in primavera e in estate.

Ad esempio l’Elleboro, conosciuta anche come rosa di Natale, una pianta molto decorativa che fiorisce d’inverno.

Quindi, nello scegliere cosa mettere sul balcone è importante tener conto dell’accostamento tra piante verdi e piante fiorite, creando composizioni di varie tonalità e varietà per creare balconi decorativi e belli da vedere estate e inverno.

I tipi di piante da utilizzare per il nostro balcone possono rispondere anche a esigenze varie: certo fornire colore, ma anche formare barriere visive o frangivento, per le quali si possono utilizzare anche piante ricadenti o rampicanti.

In questo è necessario scegliere bene sia piante che vasi anche in funzione dello spazio a disposizione.

Prima di tutto specifichiamo, soprattutto per chi è alle prese per la prima volta con l’arredo di un balcone, che è opportuno non riempire eccessivamente lo spazio di vasi, piante e fiori, in quanto si potrebbe avere un effetto controproducente e antiestetico.

Sarebbe invece meglio iniziare scegliendo il giusto compromesso tra vasi da terra, vasi pensili o portavasi per ringhiere in funzione dello spazio e anche di esigenze specifiche. Il tutto senza mai eccedere.

Ad esempio, se lo spazio a disposizione è piccolo, meglio sfruttare gli angoli del balcone, magari posizionando vasi capienti nei quali creare composizioni o anche un piccolo orto: verdure, piante aromatiche. un piccolo albero da frutta, magari un limone o un arancio.

 

Certo che se la metratura a disposizione è estremamente ridotta, forse conviene sfruttare lo spazio offerto dalla ringhiera o dalle pareti.

Sarebbe, quindi, meglio scegliere una serie di portavasi, in genere di ferro perché più robusti, da agganciare ai parapetti della ringhiera o delle strutture da mettere sulle pareti del balcone. 
Per la nostra ringhiera è possibile quindi scegliere tra gerani, petunie e surfinie, ideali per abbellire il balcone; ma è possibile anche utilizzare piante aromatiche come basilico, timo, salvia, rosmarino o origano, così oltre ad avere un balcone rigoglioso avremo a disposizione un “utile” alleato in cucina.

Certo che se la metratura a disposizione è estremamente ridotta, forse conviene sfruttare lo spazio offerto dalla ringhiera o dalle pareti.

Sarebbe, quindi, meglio scegliere una serie di portavasi, in genere di ferro perché più robusti, da agganciare ai parapetti della ringhiera o delle strutture da mettere sulle pareti del balcone.
Per la nostra ringhiera è possibile quindi scegliere tra gerani, petunie e surfinie, ideali per abbellire il balcone; ma è possibile anche utilizzare piante aromatiche come basilico, timo, salvia, rosmarino o origano, così oltre ad avere un balcone rigoglioso avremo a disposizione un “utile” alleato in cucina.

Ma ora, illustrati i diversi aspetti da tenere in considerazione è ora di scegliere! 
Quindi quali piante e fiori scegliere?

Individuate le zone del balcone che più frequentemente durante il giorno sono esposte a sole, ombra o correnti d’aria ed anche la disposizione ottimale, è possibile scegliere le piante e i fiori che si preferiscono di più.

Dubbi? Puoi sempre chiedere consiglio al tuo fiorista o vivaista di fiducia! Un consiglio degli esperti e sempre utile.

E via!
Ora mettiamo alla prova il nostro pollice verde per creare la nostra oasi personale.